[2004-03] Marzo 2004 - ISS Mission Log
Scritto da Luca Frigerio   
Libera traduzione e adattamento dell'articolo "Orbital operations" di Neville Kidger, pubblicato sul numero del mese di  Giugno 2004 Vol. 46 della rivista "Spaceflight" della BIS. 01-08/03/04
L'equipaggio dell'Expedition Eight dell'ISS, composto dal Comandante Michael Foale e dall'Ingegnere del Volo Aleksandr Kaleri, ha iniziato la nuova settimana di lavoro con un "programma leggero" per l'1 ed il 2 Marzo, che ha incluso una riunione con gli specialeisti della base riguardo all'EVA accorciata del Gioved? precedente.
Gli altri lavori hanno incluso le manutenzioni del generatore russo di ossigeno Elektron, che hanno visto Kaleri sostituire tre cavi fra la Liquid Unit BZh del dispositivo e la sua control unit.
Durante questa settimana, il dispositivo Elektron sar? soggetto di altre manutenzioni, nel tentativo di isolare l'anomalia che ne causa lo spegnimento dopo alcune ore di funzionamento. Ad ogni modo, il 2 Marzo, l'Elektron si ? guastato di nuovo, ed ? stato spento.
Kaleri e i controllori di Mosca, il 5 Marzo, hanno fatto ripartire l'Elektron ripetutamente, nel tentativo di eliminare le bolle di aria nel sistema.
Inoltre, l'1 Marzo, Foale ha continuato i suoi checks regolari degli esperimenti scientifici autonomi dell'Expedition Eight.
Entrambi gli spazionauti hanno effettuato delle osservazioni quotidiane della superficie terrestre, riguardo ai programmi osservativi americano e russo, bench? l'uso del finestrino del Laboratorio Destiny fosse stato limitato dai lunghi periodi di chiusura, durante l'orbita, della sua tapparella, richiesti per il ripristino del vuoto fra i pannelli di vetro. Il 2 Marzo, Kaleri ha scaricato le batterie delle tute Orlan usate nell'EVA.
Alle 10:59 GMT, mentre l'equipaggio stava dormendo, il controllo di Mosca ha comandato l'accensione dei propulsori della capsula cargo Progress M1-11 per la durata di nove minuti, innalzando l'altezza media della Stazione di 3,8 Km.
La NASA ha informato che sarebbero occorse altre due accensioni simili, per preparare l'ISS all'arrivo della Soyuz TMA-4 con a bordo l'equipaggio dell'Expedition Nine, alla fine di Aprile.
Il 3 Marzo il duo ? ritornato alle normali mansioni.
Foale ha rimosso il campione finale di un esperimento per la crescita di cristalli, dalla Microgravity Science Glovebox (MSG) del Destiny. Egli inoltre ha configurato un laptop computer per un imminente esperimento con gli ultrasuoni, della Johnson Space Center Human Research Facility Rack.
Kaleri ha controllato i progressi della crescita delle piantine di piselli, nella serra Lada-4 dello Zvezda. Inoltre egli ha attivato l'hardware per lo Skorpio, un esperimento russo per il monitoraggio delle radiazioni, nella "fossa" sopra la quale ? montato il tappeto rotante TVIS.
Il 4 Marzo Foale ha imballato il materiale dell'European PromISS Protein Crystal Growth Experiment. L'esperimento si era concluso con successo il giorno precedente, dopo un funzionamento continuato di 30 giorni nella MSG, e i campioni risultanti sono stati stivati nell'incubatore Aquarius per il loro ritorno sulla Terra.
Kaleri ha lavorato con il Condensate Water Processor dello  Zvezda, per evitare altri falsi allarmi, e poi ha lavorato nella capsula Soyuz TMA-3 e nel modulo Pirs, coadiuvato da Foale, per ripristinare le configurazioni pre-EVA.
Il giorno seguente, Foale ha lavorato per la maggior parte della giornata per ristabilire il vuoto fra i due pannelli di vetro ad elevata qualit? ottica della finestra scientifica del Laboratorio Destiny. L'ente americano ha evidenziato il fatto che questo lavoro: "era associato alle continue riparazioni necessarie dopo la scoperta di una perdita durante il mese di Gennaio."
Foale, aiutato dall'Ingegnere del Volo Aleksandr Kaleri, ha completato una procedura per la rimozione di tutta la condensa che poteva essersi accumulata fra i pannelli di vetro, durante l'operazione di sostituzione del tubo flessibile danneggiato, utilizzato appunto per il mantenimento del vuoto fra i suddetti pannelli.
In un seguente aggiornamento della NASA, ? stato riportato che in un meeting settimanale dell'ISS Mission Management Team del 4 Aprile "i managers russi ed americani hanno discusso del piccolo decadimento di pressione dei due sistemi ad elio che pressurizzano le linee e i serbatoi del propellente, della Soyuz TMA-3. Il decadimento della pressione ? stato scoperto per la prima volta nel System 2, quando la Soyuz ? arrivata alla Stazione in Ottobre, ed ? stato confermato poi, nel System 1, durante un test sui propulsori effettuato in preparazione all'EVA della scorsa settimana. In entrambi i casi i controllori di Korolev hanno giudicato le perdite di pressione irrilevanti ai fini dell'efficienza dei motori. Infatti non sono previsti cambiamenti nei parametri e nelle procedure di rientro del veicolo.
Nel frattempo, i controllori di Houston hanno osservato all'inizio della settimana, dei lievi e momentanei aumenti di assorbimento della corrente e delle vibrazioni, in uno dei Control Moment Gyroscopes della Stazione. L'anomalia proveniva dal CMG 3, uno dei tre CMGs in funzione sulla Stazione, ed era stata rilevata Marted? durante lo svolgimento delle procedure normali legate ad un'operazione di reboost, tramite i propulsori della Progress.
Tutti e tre i giroscopi, ora, stanno continuando a lavorare nominalmente, con i corretti livelli di corrente, bench? i controllori stiano continuando a tenere sotto controllo le varie letture.
I CMGs sono alimentati dalla corrente generata dai pannelli solari, e forniscono all'ISS un continuo controllo dell'orientamento, risparmiando cos? le riserve di propellente del Complesso."
L'8 Marzo, Foale ha tenuto una sessione ham radio con degli studenti di una scuola del South Carolina, ed entrambi gli spazionauti hanno parlato con i managers del programma scientifico della NASA, Don Thomas, Janet Voss e con il Payload Operations Manager, George Norris.
09-14/03/04
La settimana di lavoro accorciata, per Foale e Kaleri, ? stata importante per l'estesa sequenza di operazioni intraprese per riparare il giroscopio difettoso del tappeto rotante dello Zvezda.
La NASA ha detto che dopo aver lavorato seguendo un prontuario di istruzioni di 60 pagine, gli astronauti sono stati in grado di "ritornare ad utilizzare il tappeto rotante con il giroscopio funzionante."
L'agenzia ha poi spiegato: "Foale e Kaleri hanno trascorso la maggior parte di tre giorni lavorativi, lavorando gomito a gomito con il Mission Control di Houston sul tappeto rotante, rimuovendo un giroscopio, sostituendovi un sostegno al suo interno, e rimettendo tutto a posto."
Il lavoro ? durato pi? del previsto, con delle variazioni della procedura fatte sul momento, man mano che il lavoro proseguiva. Il video inviato a terra, ha mostrato Foale e Kaleri che stavano lavorando sul giroscopio, su una panca del Laboratorio Destiny anzich? nello Zvezda, per via del maggior spazio offerto dal modulo Laboratorio.
L'11 Marzo l'equipaggio ha ricominciato ad esercitarsi ancora sul tappeto rotante.
L'agenzia ha detto: "Nel mese di Novembre l'equipaggio ha iniziato a sentire dei rumori provenire dal tappeto rotante. Gli ingegneri avevano subito incolpato un sostegno, all'interno del giroscopio che stabilizza il movimento nella direzione di rotazione. Un kit di riparazione ? stato inviato alla Stazione in Gennaio tramite la Progress M1-11. Dopo il lavoro compiuto questa settimana, Foale ha comunicato che il rumore era cessato." Ha concluso l'agenzia.
L'ente spaziale, pi? tardi, ha comunicato che gli uomini si stavano esercitando "con vigore" tutti i giorni, usando l'apparecchiatura riparata, nell'ambito delle routine di 2 h e mezza di esercizi fisici quotidiani.
Riguardo le altre attivit?, il 10 Marzo, Kaleri ha sostituito una colonna di purificazione nel sistema di lavorazione dell'acqua, nel modulo Zvezda.
Il russo ha anche continuato la ricerca del guasto dell'unit? Elektron, nello Zvezda, ed il 12 Marzo "egli ha iniziato il check sistematico delle sue parti per individuare quelle che dovranno essere sostituite." A bordo della Stazione vi era un set completo di pezzi di ricambio per il sistema Elektron.
Il 13 Marzo, i due hanno incominciato a bruciare i candelotti a combustibile solido per la generazione di ossigeno, dopo che la ripressurizzazione finale della Stazione, aveva esaurito le scorte di ossigeno della Progress.
Il 12 Marzo, Foale ha completato "la terza delle quattro sessioni di prove con l'esperimento Foot/Ground Reaction Forces During Spaceflight. Per far ci?, ha raccolto dei dati addizionali su come egli usa differentemente le proprie gambe in microgravit?, per aiutare gli scienziati a sviluppare delle tecniche di contromisura per i futuri viaggi spaziali a lunga durata."
L'americano ha lavorato anche per familiarizzare con l'esperimento Advanced Diagnostic Ultrasound in Microgravity (ADUM), che ? stato spedito in orbita con la Progress M1-11.
"L'esercitazione ha previsto l'utilizzo di un programma informatico che aiuter? Michael ad effettuare un'analisi ad ultrasuoni su Kaleri, la prossima settimana. L'esperimento AUDM studia   come, degli astronauti dell'ISS minimamente addestrati, possono effettuare degli esami ultrasonici avanzati, usando l'apposito software e le indicazioni dei dottori presso il Mission Control." Ha informato la NASA.
Nel corso del weekend, Kaleri ha partecipato alle elezioni politiche russe, votando per procura (un collega cosmonauta), e ha condotto una sessione con l'esperimento medico russo Pulse.
Infine, la NASA ha detto che uno dei giroscopi CMG, il Numero 2 sul traliccio Z1, il 14 Marzo ha avuto una breve avaria. Dopo essere stato off-line per meno di due minuti, il sistema automatico di ripristino lo ha riportato alla piena operativit?. Nei giorni seguenti, l'evento ? occorso altre due volte. Gli ingegneri stanno tenendo controllata la situazione, anche se il problema "si ? avuto altre volte in passato".
15-21/03/04
La settimana lavorativa ? iniziata, come da sempre, con il protocollo medico russo di misurazione della massa corporea e del volume dei polpacci.
Come usuale da qualche tempo, Kaleri ha il compito di ispezionare e curare quotidianamente l'esperimento russo sulle piante Lada-4, nello Zvezda.
L'ente spaziale americano ha informato che Foale "ha ripassato le procedure dell'imminente lavoro con il Cellular Biotechnology Support Systems-Fluid Dynamics Investigation (CBOSS-FDI).
CBOSS ? un bioreattore capace di far crescere colture cellulari in tre dimensioni, un vantaggio rispetto alle colture cellulari bidimensionali normalmente fatte crescere sulla Terra."
Il 15 Marzo, Kaleri ha continuato le estenuanti indagini sul sistema russo per la generazione di ossigeno Elektron, alla ricerca di perdite (egli non ne ha trovata alcuna, ma ha avvertito un odore simile a quello del solvente per le unghie, e ha notato un residuo bianco nel punto di uscita dell'ossigeno, mentre l'apparecchio era in funzione).
La NASA ha comunicato che l'equipaggio stava bruciando i candelotti SFOGs (Solid Fuel Oxygen Generators), nel modulo Zvezda, per alzare la pressione parziale dell'ossigeno nel Complesso.
Il 16 Marzo, l'equipaggio ha condotto "una piena giornata di lavoro scientifico", riguardante diversi argomenti medici e di fitness, russi ed americani.
I tests hanno incluso un esame audiometrico, le analisi chimiche delle urine, l'elettrocardiogramma e il monitoraggio della pressione sanguigna di Foale, mentre stava usando la cyclette statica CEVIS nel Destiny.
Nell'ambito dell'esperimento medico russo Profilaktika, e della routine di esercizi fisici, Kaleri ha lavorato con il veloergometro, e di seguito Foale ha coadiuvato il collega nello studio dell'attivit? bioelettrica del suo cuore a riposo.
"Foale e Kaleri hanno fatto una pausa con il loro lavoro scientifico e hanno tenuto un'esercitazione antincendio. Questa procedura ? una routine obbligata per ogni equipaggio, ed ? la seconda volta che essi vi partecipano dal loro arrivo sull'ISS in Ottobre. I controllori di Houston e Mosca hanno supervisionato l'esercitazione." Ha concluso una nota della NASA.
Il 17 Marzo, Foale e Kaleri hanno continuato i loro esperimenti biomedici, e Kaleri ha completato il suo "fitness assessment" Profilaktika.
Foale ha raccolto i campioni mensili di acqua, ha completato il training obbligatorio per l'Ufficiale Medico dell'equipaggio, ed ha controllato il defibrillatore dell'Human Research Facility.
L'astronauta americano ha tenuto anche una sessione televisiva con una scuola della Florida, ed un colloquio ham radio con una scuola dell'Isola di Lewis, al largo delle coste scozzesi.
Kaleri ha installato del nuovo software in un laptop computer nello Zvezda Service Module, da usare con l'esperimento di navigazione autonoma dell'ESA, montato all'esterno dello Zvezda stesso. Egli ha anche cercato del materiale nel modulo Pirs (inclusi anche 12 paia di guanti da EVA).
Il lavoro principale delle giornate del 18 e 19 Marzo, ? stata la sostituzione della Liquid Unit dell'Elektron, con una nuova spedita con la Progress. L'unit? guasta, era appena stata installata alla fine del 2003, e Mosca aveva comunicato alla parte americana che per circa un anno non ce ne sarebbe stata un'altra disponibile.
Il daily status report della NASA ha riportato: "L'equipaggio ha rimosso la Liquid Unit # 6 (BZh-6) dell'Elektron, contenente i principali sottosistemi del generatore di O2, e l'ha sostituita con l'omologo pezzo di ricambio, il BZh-7. Tutte le parti contaminate dall'elettrolita (una soluzione alcalina composta al 25 % da Idrossido di Potassio [KOH], pi? il 75 % di acqua, livello di tossicit? 2 [dannoso per la salute, per esposizioni a lungo termine]), sono state imballate con cura per la loro eliminazione. Le superfici esterne sono state lavate con cura. Durante tutte le operazioni, gli uomini hanno indossato guanti, occhiali e mascherine bocca-naso."
Nel corso della settimana, iniziata il 13 Marzo, "l'equipaggio ha prodotto ossigeno con i candelotti SFOGs, nello Zvezda. Mediamente vengono usati 2 candelotti al giorno, da quando sono state terminate le scorte del cargo russo Progress a seguito delle avarie prolungate del sistema Elektron."
Fin'ora sono stati consumati 13 candelotti, e ne rimangono di scorta, a bordo, altri 100. Nel frattempo, ? allo studio un nuovo tipo di SFOGs, che dovrebbe entrare in servizio alla fine dell'anno.
Secondo dei reports del centro di controllo TsUP di Mosca, uno dei due contenitori di combustione TGK, ha avuto un'avaria la mattina del 18 Marzo (sullo Zvezda ci sono due di queste unit?). Per il fatto che a bordo non vi erano dei fan di ricambio, l'unit? ? stata considerata guasta (a meno che un fan simile, proveniente dallo Zarya, non possa venire usato).
Fino a quando non verr? presa una decisione in merito, per un'eventuale sostituzione, le nuove indicazioni per le prossime accensioni degli SFOGs prevedono un gap di tre ore fra l'accensione di un candelotto e l'altra, per permettere a quello bruciato un opportuno raffreddamento prima della sua sostituzione.
C'era comunque dell'altro ossigeno "in due serbatoi ad alta pressione dell'airlock Quest della Stazione, che contengono un quantitativo di ossigeno che pu? durare diversi mesi se necessario." Ha dichiarato la NASA.
Il 19 Marzo Foale e Kaleri hanno sostituito le linee di alimentazione dell'acqua, ed hanno pulito il sistema. L'Elektron era previsto ritornare in funzione all'inizio della settimana seguente, ma ? stao attivato il 20 Marzo, e subito ha iniziato a lavorare perfettamente.
Riguardo alla ricerca scientifica, il 18 Marzo, Foale ha lavorato con il Pore Formation and Mobility Investigation (PFMI), nella Microgravity Science Glovebox. L'esperiento studia la formazione di bolle nei materiali.
Michael, inoltre, ha manovrato il Canadarm2 per una sessione abbreviata di abilit?, in modo tale da lasciare le telecamere del braccio robotico ad inquadrare il lato-Terra del Complesso, per permettere al personale di Houston l'esecuzione di alcune ricognizioni. (Tali ricognizioni hanno rivelato alcuni problemi con l'isolamento del braccio e del traliccio P1, e l'esistenza di una zona scura sul retro della vitale antenna per le comunicazioni a banda Ku).
Il 19 Marzo Foale ha fatto un controllo della tenuta stagna della finestra del Laboratorio Destiny. La NASA ha spiegato che "bench? il tubo flessibile stia operando nominalmente, il check di oggi ha evidenziato una leggera perdita da uno dei pannelli interni della finestra. Questa perdita non inficia il mantenimento della pressione nella Stazione, ma richiede un'altra procedura di spurgo, la prossima settimana, per evitare la formazione di condensa."
Tornando all'attivit? scientifica, Kaleri ? stato il soggetto della prima sessione di esperimenti con il dispositivo Advance Diagnostic Ultrasound. Questo dispositivo ? in grado di mostrare immagini tridimensionali del cuore e di altri organi.
Il TsUP ha anche riferito dell'anomalia nel convertitore di corrente, di uno dei blocchi delle batterie dello Zvezda, implicando che una batteria di ciascuno dei due moduli russi era fuori uso.
Il daily status report della NASA, del 20 Marzo, ha riportato anche il numero complessivo ed i principali utilizzi di tutti i laptop computers del Complesso. Alcuni di essi hanno avuto dei problemi con l'hard drive, e gli ingegneri erano al lavoro per tentarne il ripristino. I russi avevano preso in prestito un computer americano, da usare nello Zvezda, e ne avevano chiesto un secondo per del monitoraggio scientifico.
22-28/03/04
Mentre l'Elektron era ritornato a lavorare normalmente, il 22 Marzo i due hanno preso dei campioni di aria, e nel corso dei primi due giorni della settimana hanno effettuato dei rilievi fonometrici in tutto il Complesso.
La NASA ha affermato che "Entrambi gli astronauti hanno indossato dei dosimetri acustici per circa otto ore, per dei tests ordinari...Per la seconda met? di entrambi i giorni, essi hanno rimosso i dosimetri e li hanno sistemati in postazioni fisse."
Sempre il 22 Marzo, Kaleri ha condotto un test dell'unit? di controllo remoto del docking TORU, usando il veicolo Progress M1-11 attaccato al retro del modulo Zvezda, per analizzare i problemi insorti durante la fase di aggancio di quest'ultimo, quando non si ? potuto usare tale sistema. Il test ha evidenziato il guasto del ricevitore ad alta frequenza russo (il ricevitore di riserva era funzionante).
Durante la settimana, l'Expedition Eight ? ritornato al lavoro scientifico, intercalato al normale programma manutentivo.
Fra il 23 ed il 24 Marzo, Foale ha condotto l'investigazione Miscible Fluids in Microgravity (MFMG). "Questa indagine studia come dei fluidi miscibili (quelli che si dissolvono completamente) interagiscono senza l'interferenza della gravit?. Gli scienziati sperano che questo esperimento possa aiutare a migliorare diversi processi, dalla produzione delle materie plastiche alla sintetizzazione di medicine. Il miele e l'acqua sono i due fluidi usati per questo esperimento."
"Kaleri ha condotto il test su l'antenna di un sistema di navigazione satellitare, ed ha continuato la manutenzione del sistema televisivo russo." Ha concluso la NASA.
Il 24 Marzo, Foale ha usato dei tester "beacon-beacon" per svolgere un test sull'attivit? degli ultrasuoni e dei raggi infrarossi nel Destiny e nel nodo Unity, per l'esperimento Syncronized Position, Hold, Engage, and Reorient Experimental Satellites (SPHERES). L'ente spaziale americano ha detto che era risaputo che i vecchi laptop computers erano i responsabili di interferenze nell'infrarosso.
Il 25 Marzo, Kaleri ha sostituito un monitor guasto nello Zvezda. In questa giornata ? continuata la ricerca scientifica con Foale al lavoro con il Miscible Fluids in Microgravity (MFMG). Poi ha preparato l'hardware per il Binary Colloidal Alloy Test 3 (BCAT-3). "Il BCAT-3 studia il comportamento di sottili particelle sospese in un fluido. Sulla Terra, la gravit? fa separare i colloidi, causandone la sedimentazione. L'ambiente in microgravit? della Stazione offre ai ricercatori la possibilit? di studiare questi fluidi complessi, senza l'interferenza della gravit?."
Foale ha parlato con gli studenti della Sheffield Hallam University, in Inghilterra, il 25 Marzo, ed ? stato riferito che si ? trattato del primo collegamento video fra l'ISS ed un istituto britannico. L'evento ? stata una cooperazione fra alcuni centri scientifici britannici e l'International Space School Educational Trust (ISSET).
Foale ha detto di aver osservato un nuovo massiccio incendio nei pozzi petroliferi iracheni, nella mattinata.
Il 26 Marzo, i due hanno svolto il dettagliato check up annuale di una delle due tute da EVA americane (la Numero 3011), nell'airlock Quest.
Alla fine, la NASA ha dichiarato che il check ha avuto "successo", anche se ha evidenziato dei problemi causati dalla presenza di alcune bolle d'aria nei contenitori dell'acqua dell'unit?, durante il rifornimento, e alcuni problemi con le comunicazioni. Quindi la tuta ? stata ricertificata per l'EVA.
L'ente americano ha dichiarato che l'ispezione della seconda tuta non era ancora richiesta, prima di qualche mese.
Foale ha anche controllato l'analizzatore dei gas (GASMAP) dell'Human Research Facility Rack posta nel Destiny. Kaleri, nel frattempo, si ? occupato di alcune manutenzioni di vari sistemi, ed ha aiutato Mike con i controlli dell'EMU.
I due hanno anche sostituito due scatole flexpak del Resistive Exerciser, nel nodo Unity, dopo che per qualche giorno si erano uditi dei rumori anomali provenire da essa.
Nel corso del weekend ? stata cambiata l'attitudine di volo del Complesso e Kaleri ha condotto delle osservazioni della superficie terrestre per conto degli esperimenti russi Uragan, Diatomeya e Molniya-SM/LSO. Egli ha anche scattato delle immagini della piastra spia Kromka, posta vicino ai propulsori dello Zvezda, sul retro del modulo.
29-31/03/04
La settimana ? iniziata, come al solito, con le misurazioni della massa corporea e del volume dei polpacci degli astronauti. Poi, Kaleri ha iniziato le operazioni per la sostituzione di un fan della Souyz TMA-3, che si era guastato lo scorso mese di Ottobre durante il volo della capsula verso la Stazione. Di seguito, il russo ha effettuato delle osservazioni sulla superficie terrestre, ed ha svolto delle manutenzioni preventive sui sistemi di circolazione dell'aria dell'avamposto orbitale, pulendo i filtri della polvere e sostituendo un laptop computer guasto del Segmento russo della Stazione, con uno prestato dagli americani.
La NASA ha detto che i controllori di Houston erano nel bel mezzo di un checkout dei Thermal Radiator Rotary Joints, dei tralicci P1 e S1 della Stazione. Il checkout ? iniziato il 29 Marzo e serviva in preparazione all'attivazione del Station's External Thermal Control System, durante la missione Space Shuttle STS-116.
Il giorno seguente, l'ultimo giorno di Marzo, ha visto l'equipaggio spendere diverse ore nel modulo Pirs, ispezionando gli interni e gli esterni delle nuove tute da EVA Orlan, spedite dalla Progress M1-11. Essi hanno svolto dei check sulle tenute ed altri tests sulle tute (numero 25 e 26 ), nell'eventualit? di un'EVA di contigenza. (Le tre Orlan vecchie, la numero 12, 14 e 23, hanno oltrepassato il loro tempo di vita nel mese di Aprile, e ora sono state imballate per la loro eliminazione).
Negli altri lavori, l'equipaggio ha continuato le attivit? scientifiche in microgravit?.

Kaleri ha catturato delle immagini dagli esperimenti russi di osservazione oceanica Diatomeya, e di osservazione terrestre Uragan. Foale ha controllato gli esperimenti autonomi americani ed ha raccolto dei campioni di aria.

 

Valid XHTML and CSS.

Questo sito utilizza i cookies. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina o continuando a navigare nel sito si accetta implicitamente l’utilizzo degli stessi. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information